Mettersi a disposizione: il confronto con le Giunte comunali


Nel corso degli ultimi due sabati appena trascorsi, ho affrontato le prime tappe di un itinerario che, nelle prossime settimane, mi porterà ad incontrare le Giunte comunali della nostra provincia.

Una maniera in più per mettermi a disposizione e per raccogliere, direttamente da chi amministra quotidianamente il territorio, critiche, riflessioni e richieste.
Una maniera in più per portare la loro voce direttamente a Roma.

Giunta Calolziocorte_1_1000px

Con il sindaco e la Giunta di Calolziocorte

 

Ho iniziato incontrando sindaco e amministratori di Calolziocorte e di Olginate e diverse sono state le questioni subito sollevate: dall’armonizzazione del bilancio comunale alla vicenda delle società partecipate senza tralasciare il problema della sicurezza e l’emergenza scuola pubblica.

Giunta Olginate_1_1000px

Con il sindaco e gli amministratori di Olginate

 

Temi naturalmente di carattere estremamente tecnico quali, ad esempio, le problematiche legate al Fondo per le morosità abitative, al Fondo di solidarietà e a quello di riequilibrio passando per la discussione, sempre in primo piano, relativa al superamento del Patto di Stabilità.

Giunta Olgiate_1000px

Con il sindaco e la Giunta di Olgiate Molgora

 

Sabato scorso ho invece avuto modo di confrontarmi con le Giunte comunali di Olgiate Molgora e di Missaglia.
Anche in questa occasione le osservazioni portate avanti dagli amministratori hanno riguardato sia temi più “tecnici” (bilancio preventivo, taglio dei trasferimenti, interessi sull’estinzione dei mutui), sia temi che sono sicuramente maggiormente “sentiti” da parte di tutti i cittadini: parliamo di pressione tributaria, di “epidemia degli sfratti”, di scuola, di mancanza di lavoro, di difficoltà nell’erogazione di servizi e di cantieri bloccati.

Giunta Missaglia_1000px

Con il sindaco e la Giunta di Missaglia

 

Istanze ed esigenze precise alle quali sarò chiamato a dare risposte altrettanto precise e concrete: insomma, tanto lavoro da fare e tante risposte da dare.

Per fare in modo che non finisca tutto “con una pacca sulle spalle”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *