Anche sulla questione rifiuti la Lega ha la memoria corta


Anche sulle questioni del teleriscaldamento e del termovalorizzatore di Valmadrera, la propensione, ormai abituale, degli esponenti locali della Lega a rincorrere gli umori del momento, saltando di palo in frasca a seconda della convenienza politica e della possibilità di recuperare qualche voto è, a dir poco, imbarazzante.

È sorprendente l’incoerenza dimostrata da un politico esperto quale è il senatore Arrigoni. Dopo essere stato Sindaco di Calolziocorte e, al contempo, membro del “Comitato ristretto” proprio di Silea Spa, ora cambia repentinamente idea circa le buone politiche, in materia di gestione dei rifiuti solidi urbani, portate avanti per anni dagli amministratori del Nord Italia e da quelli lecchesi in particolare.

È noto come, attualmente, la Lega guardi sempre più avidamente a Sud – Arrigoni, da parte sua, sta lavorando in Abruzzo per fare spazio alla “calata” di Salvini – tuttavia, dopo anni passati a lanciare strali contro il Meridione e la sua cattiva gestione dei rifiuti, è inconcepibile che ora, proprio la Lega, voglia disconoscere i meriti degli amministratori lecchesi dicendosi favorevole addirittura alla chiusura del forno di Valmadrera. Questa loro necessità di espandersi a Sud gli ha fatto forse dimenticare le capacità e i meriti del Nord e dei suoi amministratori, grazie ai quali, al contrario di altre regioni italiane, non abbiamo mai avuto casi di emergenza-rifiuti?

È pur vero che la Lega ha spesso dimostrato di avere la memoria corta: vorrei quindi che Arrigoni ricordasse che la virtuosità dei Comuni del Nord in tema di rifiuti è figlia della lungimiranza dei suoi amministratori, i quali hanno saputo mettere in atto, per tempo, una politica accorta in materia di raccolta differenziata, recupero e smaltimento dei rifiuti. Una “dimenticanza”, quella del senatore leghista, resa ancora più sorprendente dal fatto che, tra i tanti amministratori impegnati in questo senso, figuravano anche diversi sindaci col fazzolettino verde nel taschino.

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *